La vita di Coppia: Istruzioni per l’uso!

CHE COS’E’ LA DIMENSIONE DI COPPIA?

La vita di coppia ha sicuramente degli aspetti positivi, momenti felici, forti emozioni, sicurezza e stabilità dall’altro lato stare in coppia comporta anche molta fatica, la fatica di convivere con l’altro diverso da sé attraverso compromessi e sacrifici.

Nonostante tutto la Psicologia dell’Evoluzione ci da una buona notizia: gli esseri umani sono geneticamente destinati ad innamorarsi ma per essere una coppia soddisfatta bisogna mettersi in coppia per realizzarsi come persone, intelligenti, libere e creative. La coppia così diventa comunione di due persone libere, il convivere di due differenze e di due progetti. 
La diversità in questo caso non è una minaccia ma la sua risorsa perché è vitalità, spinta, arricchimento, confronto.

Due persone che possono rimanere se stesse, distinte, si stimano perché si sentono accolte, mentre l’assorbimento l’una dentro l’altro è causa di stagnazione, stanchezza e poi rifiuto.

QUALI SONO GLI ELEMENTI DETERMINANTI PER UNA COPPIA?

Secondo Sternberg, vi sono tre elementi determinanti in una coppia:

  1. l’attrazione fisica, che non è eterna;
  2. il sentimento d’amore;
  3. i fattori cognitivi.

I fattori cognitivi sono importantissimi: “ti conosco e mi stai bene per quello che sei”. E’ il presupposto più importante per essere certi che quella con cui stiamo è effettivamente la persona con la quale si vuole condividere il destino.

QUAL’E’ IL CICLO VITALE DI UNA COPPIA?

  • Prima fare l’Innamoramento

In questa fase si vedono sole le cose belle, le affinità, l’altro viene idealizzato ed è perfetto, ovviamente tutto questo è un’illusione e più idealizziamo l’altro e più verrà poi svalutato. In questa fase è molto forte la passione e l’eros.

  • Seconda fase la Differenziazione

Ora s’inizia a vedere lo sfondo, le manchevolezze, le differenze ed iniziano i conflitti. Spesso in questa fase si vedono solo gli aspetti negativi.

  • Terza fase l’Amore

Dopo aver affrontato le difficoltà e la delusione se la coppia riesce a vedere sia gli aspetti negativi sia quelli positivi allora dura e va avanti.

  • Quarta fase la Sperimentazione – Esplorazione

Questa è la fase del disincanto, dell’esplorazione, delle richieste al partner, la coppia è fortemente competitiva e avvolte priva di connessione emotiva.

  • Quinta e ultima fase L’Accettazione – Riavvicinamento

Si accetta la realtà e il legame imperfetto. Non si cerca più di cambiare l’altro ma lo si accetta così com’è . C’è equilibrio tra il bisogno di appartenenza e quello di libertà.

COSA DEVE POSSEDERE UNA COPPIA SODDISFATTA?

La maturità sufficiente di ogni individuo. 
Un’identità ben definita.
La parità nel rapporto con condivisione e solidarietà. Attrazione fisica, ci si deve piacere, deve esserci un 
sentimento d’amore
 e i fattori cognitivi.

Nell’amore autentico il soggetto amante desidera il bene dell’altro più del proprio, l’altro non è amato perché utile o gratificante, ma per quello che è in sé stesso, a prescindere da ciò che fa per colui che lo ama.

C’è bisogno che ci siano quattro condizioni essenziali:

  1. comunicazione: condivisione di pensieri, sentimenti, emozioni con l’accettazione di quelli dell’altro.
  2. Impegno: partecipazione attiva alla risoluzione dei conflitti e al cambiamento della relazione.
  3. Dissoluzione dei ruoli: essere se stessi, diversi e liberi a prescindere dalle aspettative altrui.
  4. Diventare due distinti: aiutarsi reciprocamente nella realizzazione autentica di se stessi.

COSA MI FA SENTIRE AMATO? COME POSSO DIMOSTARLO? SCOPRI IL TUO “LINGUAGGIO D’AMORE”

Ciascuno comunica in modo diverso. Non si può dire che una forma di comunicazione sia migliore dell’altra. Il trucco è: dobbiamo imparare come si fa a sentire ciò che l’altro sta dicendo.

Gary Chapman, sostiene che ci sono cinque modalità, che egli chiama “linguaggi”, per comunicare il nostro amore, e fra essi ci sarà sicuramente il nostro preferito e vogliamo piuttosto che l’amore ci venga comunicato in tale modo.Vediamo quali sono:

  • Parole di affermazione – I complimenti al partner

Mark Twain una volta ha detto: Posso vivere 2 mesi per un buon complimento. Le Frasi del tipo «Come sei bella, quanto cucini bene, sei una mamma eccezionale», oppure «Sei molto intelligente, sei bravissimo nel tuo lavoro, quella mensola che hai montato è perfetta» fanno sentire la persona amata.I commenti positivi allietano la nostra routine, perché ci infondono sicurezza e innalzano la nostra autostima. Lui/lei ci ama perché ci apprezza. E noi ne andiamo fieri.

  • Tempo di qualità – La vicinanza e l’ascolto esclusivi

Tempo di qualità è di più che solo l’essere presente. Significa che presti tutta la tua attenzione al tuo coniuge, è il tempo qualitativamente dedicato alla persona amata. Si può vivere 24 ore su 24 fianco a fianco, ma se ognuno è preso dalle proprie attività senza dedicare un momento al coniuge in fondo è come se si vivesse da soli. Dare tempo di qualità vuol dire vicinanza, prestare attenzione esclusiva, ascoltare sinceramente i bisogni dell’altro.

  • Ricevere regali – Amare è donare

Ci sono coniugi che reagiscono particolarmente bene a segni d’amore visibili. Se tu parli questo linguaggio d’amore, allora avrai la tendenza a considerare ogni regalo come un’espressione d’amore e di devozione. In questi casi bisogna considerare il gesto, e non la cosa materiale, quindi piuttosto che comprare regali costosi si può persino far trovare un biglietto con una frase d’amore personale al proprio coniuge, che varrà più di qualsiasi gioiello milionario. Nello specifico: se portare a casa dei fiori per la propria moglie rappresenta un gesto importante, sorprendente, farle recapitare gli stessi mentre è al lavoro o a un incontro con le sue amiche avrà un impatto ancora più forte, perché il regalo in pubblico, magari sotto gli occhi degli amici, fa aumentare l’importanza del gesto e dunque persino il suo significato. Persone che parlano questo linguaggio d’amore spesso hanno l’impressione che la mancanza di regali rappresenta una carenza d’amore da parte del loro partner. Fortunatamente questo linguaggio d’amore è uno dei più facili da imparare.

  • Atti di servizio – Partecipare ai lavori domestici

A volte l’eseguire un semplice lavoro di casa può essere un autentico gesto d’amore e una forte espressione d’amore e di devozione verso il tuo coniuge.Caricare la lavatrice o lavare i piatti sono atti che possono dimostrare alla persona che ci sta accanto che non è sola, che siamo disposti ad aiutarla perché nella condivisione è utile non caricare di lavoro domestico soltanto una persona. La chiave della comunicazione è osservare e passare all’azione senza attendere che ci venga chiesto.

  • Contatto fisico – Gesti affettuosi e sesso

Molti coniugi si sentono particolarmente amati tramite il contatto fisico da parte del loro partner. Per una persona che parla intensamente questo linguaggio d’amore, il contatto fisico può determinare la continuazione o la rottura della relazione. Può essere una dolce carezza mentre stai passando vicino al tuo tesoro; un abbraccio prolungato che promette di più; un bacio veloce sulla guancia per dire un ciao; tenersi per mano in un luogo pubblico; coccolarsi mentre si sta guardando un film insieme. Il contatto fisico è un modo per far ricordare alla persona che sei qui per lei, che non è sola. Il rapporto sessuale fa sentire sicuri e amati molti coniugi. Tuttavia questo è solo uno dei molti dialetti del contatto fisico.

Bisogna esercitarsi con pazienza nell’utilizzo dei vari linguaggi d’amore. Cercare di scoprire al quale si reagisce maggiormente, e quale di questi linguaggi si riesce ad esprimere più facilmente.

Bisogna comunque imparare insieme quindi vi auguro BUON LAVORO!

Prova a fare il questionario: La mia Coppia!  clicca qui!

956 Visite totali, nessuna visita odierna

WhatsApp chat Contattami su WhatsApp